X
16

Portabilità del numero, cosa cambia da novembre 2022

Pubblicato il
Portabilità del numero, cosa cambia da novembre 2022

A partire dal 7 novembre 2022 sono state introdotte alcune rilevanti novità in fatto di portabilità del numero telefonico. Le novità sono dovute ad una delibera AGCOM che ha stabilito regole nuove anti truffa per portabilità dei numeri mobile, sostituzione della SIM e cambio intestatario della stessa.
 

Portabilità del numero mobile, cosa cambia

In base alle nuove regole imposte dall’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, la richiesta di portabilità del numero mobile verso un altro operatore (MNP) potrà essere avanzata soltanto dall’intestatario del numero, ossia soltanto dal soggetto che ha sottoscritto il contratto con il precedente operatore telefonico. Per questo motivo, chi effettuerà l’operazione di portabilità sarà tenuto a verificare a chi è intestata la SIM. Se il nome dell’intestatario della SIM non coincide con il nome della persona che vuole effettuare il cambio operatore, sarà prima necessario eseguire il cambio di intestazione della SIM. Se l’operazione di cambio intestazione e cambio operatore viene effettuata contestualmente, entrambe le persone devono essere presenti fisicamente durante il cambio.

Tra e altre novità, chi richiede la portabilità del numero mobile deve assicurarsi che la propria SIM sia funzionante poiché non si potrà procedere al cambio operatore nel caso in cui la SIM non funzioni, sia stata smarrita oppure sia stata rubata. L’unica alternativa, in questo caso, è avere una nuova SIM dal vecchio gestore e in caso di furto o smarrimento è necessario presentare anche la denuncia fatta presso le forze dell’ordine.

La procedura di validazione preventiva

In base alle nuove regole dell’Authority, la richiesta di portabilità dei numeri mobile deve essere sempre verificata da parte del nuovo operatore. Ciò avviene attraverso una procedura di validazione preventiva, che prevede l’invio di un messaggio sms, sul numero da trasferire, contenente un codice OTP che dovrà poi essere mostrato al negoziante che si occupa della portabilità. Tale codice OTP occorre per confermare sia la richiesta di portabilità sia il corretto funzionamento della SIM. Tale procedura sarà valida per tutti i canali di vendita (come confermato anche da Poste Italiane, uno dei gestori) e a stretto giro dovrebbe essere chiaro o meno se le nuove regole dell’AGCOM siano effettivamente in grado di porre un freno alle tantissime truffe perpetrate con le SIM mobile.

Fonte: Francesco Marino per Digitalic.it

| Categoria: Leggi e Decreti, Telefonia e App, Privacy, Società | Tags: portabilità, cambio operatore, AGCOM | Visite: (60)
categorie

 

 

Archivio ultimi 12 mesi

 

 

Tags popolari